Site logo

Addio a Luciano Delicato, il ricordo di Vincenzo Formisano

Luciano Delicato era un cassinate doc. Un uomo legato alla sua città in maniera viscerale e profonda. Amava Cassino, conosceva tutti e da tutti era conosciuto, era un grande supporter delle squadre cittadine ed era facile incontrarlo per strada, in un bar, in piazza, sempre pronto a scambiare due parole, sempre scherzoso, sempre simpatico con tutti.

La sua storia, la storia della sua famiglia era intrecciata con la storia della città e con la vita del quartiere Colosseo, che lo aveva visto crescere e crearsi una rete vasta di amicizie e relazioni.

Luciano Delicato era un  dipendente doc, che voleva bene alla Banca Popolare del Cassinate, alla sua banca, come alla sua seconda famiglia. Era legato a tutti: ai colleghi, con i quali aveva rapporti sempre cordiali e improntati all’amicizia e alla simpatia; ai diversi direttori che, nel corso degli anni che Luciano ha trascorso in banca, si sono succeduti alla guida della BPC; era legato a mio padre, il presidente Donato Formisano. Si incontravano spesso e volentieri per scambiare due chiacchiere, per prendere un caffè insieme, per commentare la cronaca cittadina, per scherzare.

Luciano Delicato era anche un amico doc. E tra me e lui c’era un rapporto di amicizia profonda e sincera. Mi sembra incredibile pensare che solo pochissimi giorni fa Luciano mi aveva telefonato dicendomi che era riuscito a convincere il suo compagno di stanza, in ospedale, ad aprire il conto in BPC.

E noi aspettavamo il suo rientro in banca. Pensavamo che tra qualche giorno sarebbe tornato e avrebbe ripreso il suo posto, il suo lavoro, la sua attività, le sue pause caffè sempre così allegre.

E ci sembra impossibile pensare che Luciano non tornerà più.

Il nostro grande Luciano, il nostro gigante buono sempre pronto a proteggere le persone a cui voleva bene.

Nell’ultima convention aziendale, a novembre scorso, la prima in presenza dopo la pandemia, Luciano era seduto in prima fila, accanto a me. Sentiva davvero la banca come casa sua. Per lui non c’era differenza tra presidente, direttore, colleghi, consiglieri: erano tutti una grande famiglia, erano tutti amici, che guardava con quel suo modo di fare un po’ ironico e scanzonato.

Oggi non possiamo che piangere la sua scomparsa e già sappiamo che il futuro non sarà più lo stesso. Non un futuro generico. Ma la giornata che arriverà domani, quella di dopodomani, quella successiva ancora: saranno tutte giornate in cui non sentiremo il suo vocione possente, il suo saluto rumoroso, il suo passo. E sappiamo che sentiremo la sua mancanza. Ma sappiamo anche che il suo ricordo sarà sempre accompagnato dal sorriso, dall’affetto, da quella simpatia che ha segnato in tanti anni il nostro rapporto e la nostra amicizia.

Ciao Luciano!

Vincenzo Formisano

L’articolo Addio a Luciano Delicato, il ricordo di Vincenzo Formisano proviene da LaProvinciaQuotidiano.it – News h24 e notizie di approfondimento.

Luciano Delicato era un cassinate doc. Un uomo legato alla sua città in maniera viscerale e profonda. Amava Cassino, conosceva
L’articolo Addio a Luciano Delicato, il ricordo di Vincenzo Formisano proviene da LaProvinciaQuotidiano.it – News h24 e notizie di approfondimento.

Read More

Comments

  • No comments yet.
  • Add a comment