LeggoCassino: Guido D’Amico: “Montecassino torni ad avere un ruolo centrale”

IL FATTO – Alla vigilia della cerimonia dell’incoronazione si accende il dibattito. Il presidente di Confimprese: “Il Monastero benedettino ha un significato importante”

Alla vigilia della cerimonia dell’Incoronazione dell’Assunta si accende il dibattito in città. La petizione è partita sui social, ma ha subito trovato un vasto eco. Si chiede di far partecipare anche l’abate di Montecassino alla cerimonia insieme al vescovo Antonazzo.

Come noto, dal 2015 la città di Cassino appartiene alla diocesi di Sora-Aquino-Pontecorvo. I fedeli, però, continuano ad essere molto legati a San Benedetto. E se l’anno scorso era stato il “caso” della Civitas Mariae ad infiammare il dibattito alla vigilia della cerimonia, quest’anno è la richiesta di far partecipare anche l’abate. Un auspicio, espresso sulle nostre colonne, anche dal vice segretario di FdI Gabriele Picano.

Interviene ora anche il presidente di Confimprese Italia, Guido D’Amico, che spiega: “Il monastero benedettino ha un significato importante per Cassino”.

Quindi D’Amico dice: “Senza entrare nelle dinamiche e nelle ‘regole’ della Diocesi io credo che sia giunto il momento che l’abbazia torni ad avere un ruolo centrale per la città di Cassino perchè tutti i cittadini di Cassino, e non solo, sono profondamente legati al Sacro Monte”.

L’articolo Guido D’Amico: “Montecassino torni ad avere un ruolo centrale” proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: