Site logo

LeggoCassino: Settimana conclusiva del progetto nazionale “Io leggo perché”

CULTURA – Parla Cinzia Rizza, docente di lettere e molto attiva in ambito sociale e culturale nella nostra provincia e Presidente dell’Associazione Terraferma

Booking.com

La lettura per bambini di diverse età: benefici per lo sviluppo psicologico ed emotivo.
L’importanza di stimolare il nostro futuro. Siamo entrati nella settimana conclusiva del progetto nazionale “Io leggo perché”. Abbiamo voluto affrontare l’argomento con Cinzia Rizza docente di lettere e molto attiva in ambito sociale e culturale nella nostra provincia e Presidente dell’ Associazione Terraferma, da sempre in prima linea in progetti che stimolino i bambini ad avvicinarsi al fantastico mondo dei libri e volontaria Nati per Leggere.

” Un adulto che legge ad alta voce ad un bambino compie un atto d’amore,- ci racconta
Cinzia Rizza- e ciò ha risvolti importanti per lo sviluppo della personalità del piccolo sul piano
relazionale, emotivo, cognitivo, linguistico, sociale e culturale.

Nell’esperienza condivisa della lettura e dell’ascolto, adulto e bambino entrano in sintonia reciproca attraverso i mondi che prendono vita tra le pagine del libro, in una comunicazione intensa e piacevole fatta di emozione, amicizia, complicità, fiducia, che rinsalda il loro legame affettivo. Con Terraferma prosegue Cinzia Rizza- abbiamo voluto diffondere l’importanza di questi fattori, rafforzando il rapporto adulto/bambino.

Leggere fa bene

Dal punto di vista emotivo, leggere una favola o una filastrocca ad un bambino gli consente
di esplorare le sue emozioni più intime in compagnia degli adulti che possono contenerlo,
rassicurarlo, fornirgli spiegazioni.

Dal punto di vista cognitivo, la lettura offre al bambino un canale alternativo di conoscenza,
oltre all’esperienza diretta; favorisce la comprensione di sé e del mondo che lo circonda;
allarga la mente alla scoperta e all’esplorazione; sviluppa l’immaginazione, la fantasia, la
creatività, la curiosità; amplia la memoria; potenzia le capacità logiche e astrattive.
Sul piano linguistico, la lettura stimola lo sviluppo del linguaggio, arricchisce il vocabolario, migliora la qualità lessicale.

Dal punto di vista sociale, è dimostrato che i bambini abituati alla lettura operata dalla
famiglia in età prescolare, presentano migliore rendimento scolastico, inserimento sociale,
capacità di risoluzione dei problemi, cosa che acquista ancor più valore per i piccoli
provenienti da famiglie con situazione di svantaggio socio-culturale, nei quali la difficoltà
di lettura e scrittura contribuisce al rischio di abbandono scolastico, con incremento della
povertà e dell’emarginazione.

Sotto il profilo culturale, infine, la trasmissione di storie e racconti da adulti a bambini è
stato visto come uno dei canali del passaggio di valori, messaggi etici e tradizioni da una
generazione all’altra.

Il nostro segreto per solleticare l’interesse e la curiosità, è quello di far diventare il libro nelle
loro mani uno strumento magico e allettante, capace di introdurli nel mondo simbolico che
è racchiuso nelle sue pagine, attraverso la relazione con l’adulto che lo propone. Un mondo
fatto di emozioni, gioie, paure, fantasie, affetti, eventi, scoperte, come in fondo l’universo
stesso del bambino.
E’ importante saper leggere non “al” bambino ma “con” il bambino, in una comunicazione
reciproca e ricca- conclude Cinzia Rizza -.”

Fra. Cor.

L’articolo Settimana conclusiva del progetto nazionale “Io leggo perché” proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: